In casa o al lavoro, al giorno d’oggi, è diventato obbligatorio avere strumenti performanti, in grado di connetterci in maniera efficace alla rete.

Molti router, soprattutto quelli forniti dai providers di servizi Internet, sono piuttosto limitati nelle funzionalità offerte. Spesso non è possibile modificare il software interno né installare applicazioni aggiuntive. Se si desidera personalizzare il router a proprio piacimento, quindi, bisogna scegliere un modello che lo consenta.

Praticamente tutti i router permettono di attivare un firewall; sono pochi, invece, i modelli che consentono di installare una VPN. Questo è quindi un aspetto da considerare se si desidera ottenere un livello di sicurezza più elevato di quello offerto normalmente dai router più basilari. Una VPN installata sul router permette infatti di proteggere l’intera rete locale con tutti i dispositivi connessi a essa.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è il protocollo di sicurezza utilizzato. WEP (Wired Equivalent Privacy) e WPA (WiFi Protected Access) sono ormai obsoleti, bisogna quindi orientarsi su modelli che supportano il protocollo WPA2 (WiFi Protected Access 2 ) o il nuovo presentato nel 2018 WPA3 (WiFi Protected Access 3).

Altre funzionalità che possono essere utili sono la possibilità di creare reti WiFi per gli ospiti (Guest) e di controllare il traffico. Se si vuole condividere la propria rete con altri, è una buona idea creare una seconda rete wireless destinata a questo scopo: in questo modo, si riduce il rischio di attacchi esterni. Ci si può spingere anche oltre e limitare il traffico consentito sulla rete ospite a determinate tipologie, oppure si può impedire l’accesso a determinati siti.

Gli operatori telefonici possono offrire diversi protocolli di connessione, a seconda della zona e del tipo di offerta. È quindi importante scegliere un router compatibile con il protocollo specifico utilizzato dal proprio provider.

Se si ha una connessione ADSL, bisogna acquistare un router che supporti il protocollo.

ADSL2 : Prevede una connessione fino a 12 Mbps in download e fino a 3,5 Mbps in upload.

ADSL2+: Con questo standard, la velocità di trasmissione è di 24 Mbps in download e 1,5 Mbps in upload.

Se si ha invece una connessione mista fibra-rame, che solitamente ha un limite massimo di velocità di 300 Mbps, bisogna invece procurarsi un router che supporti il protocollo VDSL /VDSL2 : Questi due standard, spesso associati alle connessioni in fibra ottica ma che in realtà prevedono la connessione fibra-rame, possono arrivare fino a 55 Mbps e fino a 100 Mbps.

Infine, esistono anche router specifici per le connessioni in fibra ottica, che raggiungono velocità di 1 Gbps o superiori, che differiscono per la velocità di trasferimento supportata, a seconda delle frequenza su cui operano, i router WiFi possono essere classificati in diverse classi. Queste stanno a indicare la velocità di trasferimento dei pacchetti fra il router e il dispositivo ad esso connesso. In particolare, le classi attualmente esistenti sono:

Classe 802.11a: questo protocollo è capace di una velocità massima di 54 Mbps.

Classe 802.11b: i router appartenenti a questa classe possono raggiungere velocità fino a 11 Mbps.

Classe 802.11g: è la versione migliorata della classe b, di cui utilizza le frequenze, capace di raggiungere anche i 54 Mbps.

Classe 802.11n: con questo standard è possibile raggiungere una velocità di trasferimento di 450 Mbps.

Classe 802.11ac: questo è lo standard più recente, capace di raggiungere una velocità di picco di 1,3 Gbps.

Classe 802.11ax: Wi-Fi 6 conosciuto anche come "AX WiFi” È lo standard di prossima generazione nella tecnologia, capace di raggiungere un velocità di: 1148 Mbps 2.4 GHz 4x4 Wi-Fi 6 radio, per 5 GHz 4x4 Wi-Fi 5 radio una velocità massima 1733 Mbps, e per 5 GHz 8x8 Wi-Fi 6 radio con una velocità massima 4804 Mbps.

Tuttavia, oltre alla classificazione occorre tenere anche un altro fattore. Si tratta delle bande di frequenza: ciascun paese, infatti, regolamenta le frequenze su cui devono avvenire determinate trasmissioni. In particolare, per le connessioni WiFi sono state riservate due frequenze:

~2.4 GHz: è una frequenza che consente di trasmettere a bassa velocità, ma a distanze maggiori e, quindi, è preferibile quando il dispositivo è lontano dal router.

~5.0 GHz: questa frequenza è in grado di trasmettere a velocità elevata, ma a distanze più basse e, pertanto, è da preferire se il dispositivo si trova a breve distanza dal router.

Anche l’hardware del router gioca un ruolo essenziale nella qualità della connessione. Sono tre le componenti hardware che possono determinare le performance del router: il chipset, ossia i processori di rete, la CPU e la RAM, che insieme gestiscono le connessioni dei differenti dispositivi. Che determina le performance di connessione con la rete, e la capacità del router di gestire più o meno dispositivi. In poche parole, maggiore sarà il numero di dispositivi da connettere al router (computer, smartphone, smart tv) e maggiore dovrà essere la potenza della CPU e della RAM.

Un altro componente hardware che può variare la qualità della connessione WiFi sono le antenne. Queste possono essere disposte all’interno del router stesso, e in questo caso non saranno visibili esternamente, oppure possono essere esterne ed eventualmente orientabili.

La loro potenza viene espressa in dBi, maggiore sarà la potenza delle antenne e migliore sarà la qualità della rete WiFi.

Se le antenne sono interne, il raggio d’azione sarà molto basso. Se invece le antenne sono esterne, bisogna considerarne il numero e la potenza. La maggior parte dei router dispone di due antenne, ma alcuni modelli più avanzati ne hanno tre o più . La potenza in dBi, e per i router casalinghi solitamente si può variare tra i 4 dBi, che offrono un raggio d’azione minore, e i 9 dBi, che garantiscono invece le prestazioni migliori.

Le porte di collegamento esterno e un aspetto interessante, specialmente in ambito semi professionale, sono le dotazioni di porte di collegamento del router. La maggior parte dei router moderni, è dotato di una serie di porte che consentono il collegamento fisico dei dispositivi al router. Solitamente, queste possono essere Ethernet oppure USB, le prime possono essere del tipo Fast Ethernet, che arrivano a 100 Mbps, oppure di 1 Gigabit, per chi ha una connessione in fibra ottica.

Le porte USB, invece, possono essere utilizzate sia per collegare dispositivi sprovvisti di Wi-Fi, come le vecchie stampanti, sia hard-disk esterni. Inoltre, alcuni modelli di router consentono di sfruttare proprio attraverso la porta USB la connessione delle chiavette 4G nel caso dovesse venire a mancare la connessione telefonica.

Se la nostra esigenza e portata sopratutto verso i giochi ( Ps5, Xbox ecc. ecc. ) , oggi il mercato ci offre diversi tipi di router gaming, (Asus, Netgear, TP-Link, Razer, D-Link, LinkSys, Ubiquiti, ecc. ecc). La connettività di rete è uno degli aspetti che non si dovrebbe mettere da parte per garantire una grande esperienza dei gioco online. Più di una volta, si soffre del ritardo e spesse volte si è pensato che è un problema dell'ISP (Internet Service Providers). Quest'ultimo potrebbe non essere sempre il caso, quindi è molto pratico comprare un router orientato al gioco online. Il Ping (è un'utility di amministrazione per reti di computer usata per misurare il tempo, espresso in millisecondi, impiegato da uno o più pacchetti ICMP a raggiungere un dispositivo di rete ) e la Latenza-input/output (in informatica e telecomunicazioni, indica in un sistema di elaborazione dati e o di telecomunicazioni, l'intervallo di tempo che intercorre fra il momento in cui viene inviato l’input al sistema e il momento in cui è disponibile il suo output. In altre parole, la latenza non è altro che una misura della velocità di risposta di un sistema), sono di solito più alti che se ci colleghiamo via cavo. Questo è qualcosa che colpisce molto i giochi online. Così come influisce anche quando si fa una videochiamata, per esempio. Come sappiamo, è il ritardo nel tempo che impiega l'informazione ad arrivare, e quindi per il gioco è essenziale. I router di gaming sono progettati proprio per ridurre questo Ping o Latenza. In questo modo si puo giocare su Internet senza preoccuparci piu di tanto su questo aspetto. Fondamentalmente, è più simile alla qualità che avremmo se fossimo collegati tramite un cavo Ethernet.

Inoltre un’ altra differenziali tra router di gioco rispetto ai router normali è il QoS (Quality of service) focalizzato sul gioco . Questi dispositivi consentono di configurare la priorità di accesso alla rete alle diverse applicazioni e servizi che richiedono una maggiore disponibilità della rete.

Se invece si desidera un router che gestisce VPN un dei migliori sul mercato è VILFO VPN Router di fabbricazione svedese puo gestire 25 VPN providers. Si tratta di un router pensato apposta per consentire in modo semplice ed efficace di utilizzare più servizi VPN contemporaneamente, addirittura decidendo centralmente quale Virtual Private Network sfruttare per ogni singolo dispositivo connesso alla nostra LAN.

Grazie ad una comoda dashboard accessibile via web browser, Vilfo consente di impostare dei gruppi all’interno dei quali possono essere inseriti i dispositivi che usiamo quotidianamente per navigare. Ad esempio è possibile creare un gruppo e chiamarlo “Netflix” inserendovi all’interno i dispositivi con cui vogliamo superare il geo-blocking del servizio di streaming, per esempio un tablet, il nostro smartphone e magari la smart TV. Questo gruppo potrà utilizzare un servizio VPN, scelto tra uno di quelli più performanti per lo streaming.

Spesso il miglior router è quello che si adatta alle proprie esigenze in quanto la scelta giusta deve essere effettuata in base all’uso. Il costo spesso, oltre che alle esigenze di ambiente e velocità di connessione, rappresenta un problema in quanto alcuni router presentando alte prestazioni richiedendo costi elevati. Per questo è importante scegliere un router in base all’uso che si desidera farne ottimizzando al massimo la spesa e calibrando le prestazioni del router con l’uso che ne fa dell’utente. Una volta scelto il router e la connessione più adatta non resta altro che iniziare a navigare o giocare.

Tags