Vine un spettacolare Franco Morbidelli, con la Yamaha satellite (non ufficiale), Secondo un sorprendente Pecco Bagnaia, con la Ducati Pramac team satellite, quindi le non ufficiali dominano di talento! Terzo il guastafeste del tricolore italiano, un bravissimo Rins con la Suzuki.

Si parte con un Valentino all'attacco che nelle prime due curve voleva subito la testa, ma il pupillo "Morbido" non molla e scappano via in due, forse qualche staccatona di troppo nei primi giri, che segna le gomme per le ultime tornate.

Da dietro c'é Pecco Bagnaia, che va costruendo pian piano il Podio, infilando uno a uno con la sua Ducati, la scuola VR46 c'é ! crea dei centauri da paura! é una bella svolta italiana, creata dal Dottore che lascerá in un futuro prossimo i prossimi paladini della MOTOGP !