Allo stadio "Da Luz" di Lisbona, sede del Benfica del Portogallo, con 66.000 posti vuoti, ieri l'Atalanta di Bergamo ha visto i suoi sogni "spegnersi" ma in contemporaneo ha fatto storia.

Sono mancati  solo sei minuti per essere in semifinale di Champions League, ma la stanchezza e lo scompiglio difensivo non hanno permesso di fermare il talento e la convinzione del PSG che è riuscito a rimontare, sorprendentemente e in extremis, una partita che fino al 90' stava perdendo e che alla fine dei supplementari, 90+6', é riuscita a vincere 2-1.

Lo spettacolare gol dell'Atalanta è arrivato al 26' da Mario Pasalic. La squadra italiana ha continuato con il suo solito schema di gioco aperto, non cessando mai la lotta sul campo, cercando di rafforzare il tabellone contro un PSG che sembrava poco preciso.

Questo ha causato grande stanchezza. Nel suo affanno di far fronte  al gigante francese di Neymar, Gasperini ha consumato le sostituzioni disponibili in anticipo e sul tramonto dell'incontro i "nerazzurri" erano visibilmente esauriti.  

Son bastati cosí 3 minuti dei complementari affinché la gioia cambiasse sponda. Al 90', Marco Aoás, con appoggio di Neymar e al 90+3', Choupo Moting, assistito da Mbappé, resuscitato dalla panchina, hanno strappato all'Atalanta la possibilitá di ritrovarsi tra i primi 4 club Europei e dopo 25 anni hanno rimesso al PSG in semifinale di Champions League.

Forse i bergamaschi dovevano essere più avari, magari erano in grado di giocare un anti-calcio estremamente difensivo per rompere gli schemi e proteggere il vantaggio. Ma Gasperini e i suoi ragazzi non sono andati in Champions se non per giocare e vincere semmai  a testa alta.

Cosí, anche di fronte alla sconfitta, ci congratuliamo con la gloriosa squadra e celebriamo la storica campagna dell'Atalanta, che nella sua prima partecipazione alla Champions League, è riuscita a raggiungere gli ottavi di finale e ha perso con lodi.

Questa Atalanta è stata senza dubbio una rivelazione, un modello di impegno e perseveranza in questa difficile stagione 2019-2020. Ha battuto tutti i record della sua storia come squadra, quindi è certamente l'orgoglio dei suoi tifosi e gode dell'ammirazione di tutti gli amanti del Calcio.

Congratulazioni Ragazzi !!!