È lì, lungo la Via Emilia, che dal prossimo 16 al prossimo 18 aprile tornerà la Formula 1, con il “Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna”, prima tappa in Europa del mondiale di automobilismo presentata nei giorni scorsi alla presenza anche del Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Manlio Di Stefano.
Per la terra dei motori una nuova conferma dopo il Gran Premio svoltosi alla fine dello scorso anno, che aveva visto la Formula 1 di nuovo sulle rive del Santerno dopo 14 anni dall’ultima edizione del 2006.
Ma, anche, una nuova occasione di visibilità internazionale, dovuta all’Accordo tra Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ice - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane – e la Regione Emilia-Romagna per la promozione e valorizzazione delle eccellenze del Made in Italy, a partire proprio dalla filiera dell’automotive, e dunque dal mondiale automobilistico più seguito e importante del mondo.
Nell’anno segnato dalla pandemia, questa iniziativa vuole essere un segnale forte di ripartenza e coinvolgerà anche gli altri principali appuntamenti motoristici della stagione: dalla MotoGP e il Mondiale Superbike a Misano Adriatico, al Motor Valley Fest a Modena. Grandi eventi sportivi di rilievo internazionale che diventano vetrine per la valorizzazione del Made in Italy nelle sue principali declinazioni.
Il “Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna” e l’accordo ad esso collegato sono stati presentati lunedì in video conferenza, che ha visto la partecipazione, oltre al sottosegretario Di Stefano, anche del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, del presidente dell’Agenzia Ice, Carlo Ferro, e del sindaco di Imola, Marco Panieri.
In video collegamento da remoto anche Claudio Domenicali, presidente dell’Associazione Motor Valleye amministratore delegato di Ducati; Stefano Domenicali, amministratore delegato Liberty Media; Angelo Sticchi Damiani, presidente Automobile Club d’Italia e vice presidente FIA; Andrea Casaluci, General Manager Operations Pirelli, title sponsor del Gran Premio di Imola, e Matteo Lunelli, presidente e Ad Cantine Ferrari, lo spumante ufficiale del Campionato del mondo di Formula 1. Ha presentato e moderato gli interventi la giornalista Barbara Pedrotti.
Banner fisici e “digitali” lungo i circuiti, contenuti video durante le dirette degli eventi e trasmissioni tv dedicate, campagne digital e un portale dedicato, incontri virtuali B2B fra imprese italiane e operatori esteri, presenza ad eventi internazionali e, su tutto, un’immagine globale, coordinata ed univoca, inneggiante al Made in Italy, una delle realtà più ammirate - e copiate - al mondo.
Le dirette Tv delle gare verranno trasmesse in 22 paesi del mondo. Una visibilità straordinaria a cui si aggiunge l’audience dei media dell’informazione che daranno notizia delle competizioni e una previsione di 90 milioni di impressions sul web.
Obiettivo principale dell’accordo raggiunto nei giorni scorsi fra le istituzioni regionale e nazionali: valorizzare a livello mondiale quel connubio di tradizione e innovazione, qualità della manifattura e ricerca applicata, passione imprenditoriale e stile unico, che rendono le auto e moto realizzate nel nostro paese le più desiderate e ammirate ai quattro angoli del globo. Allo stesso tempo, però, le istituzioni vogliono favorire nuove opportunità B2B legate alla filiera dell’automotive. Non solo, grazie all’iniziativa si intende generare consapevolezza sul Paese e sulle sue potenzialità, promuoverne la scoperta e sostenerne l’export, nonché aggregare risorse, progettualità e start up dedicate alla mobilità del futuro.
Brandizzazione dei circuiti che saranno sotto gli occhi di milioni di telespettatori nelle dirette televisive. Tra le azioni messe in campo - per un investimento complessivo di 5 milioni di euro – il brand “MadeinItaly.gov.it” che rimanderà a un sito dedicato, vetrina del Made in Italy nel mondo creato da ministero degli Affari esteri e Agenzia Ice e che verrà lanciato per la prima volta in occasione del Gran Premio di Formula 1 a Imola.
Ma anche una campagna digital e social per un bacino potenziale di oltre 2 milioni di utenti sulle piattaforme dei diversi partner (Ministero, Ice, Regione, Associazione Motor Valley, Comune di Imola, Pirelli e Formula 1), oltre che di case automobilistiche come Ferrari, Alpha Tauri, Dallara, Lamborghini, Pagani ed Energica.
Ad essa si aggiungerà la campagna digital in sinergia con Liberty Media, che produrrà 1,2 milioni di impressions attraverso il formato display F1.com e F1 mobile e 2 milioni di impressions video attraverso il formato video su F1.com e F1 YouTube.
Pianificata anche una campagna Tv con un video di 30'' dedicato all’Emilia-Romagna e alla Motor Valley e al Made in Italy, che verrà trasmesso durante le dirette delle gare dalle piattaforme che detengono i diritti televisivi, oltre che sul web. Prevista anche una cartolina video Tv e uno Speciale sulla rete Sky Europa.
In occasione della terza edizione del Motor Valley Fest a Modena (1-4 luglio), oltre agli interventi di branding a tema Made in Italy dell’evento, verranno messe in campo campagne di media relations e press trip con giornalisti italiani e stranieri, nonché media partnership con realtà prestigiose, quali il magazine Wall Street Journal, la trasmissione della BBC Top Gear e il portale di moda e tendenze Hypebeast.com.

Tags