Un po'di storia per sapere come è nato questo giorno speciale.


La seconda domenica di maggio viene celebrata in Italia e in molte parti del mondo, la festa della mamma, ad eccezione di alcuni paesi che la celebrano in date diverse come, ad esempio, l'Argentina lo celebra la terza domenica di ottobre, il Nicaragua lo celebra il 30 maggio e Panama l'8 dicembre. Tuttavia, nonostante la diversità delle date, il comune denominatore è ancora la celebrazione in onore alle mamme.



L'omaggio alle madri risale a migliaia di anni fa nell'antica Grecia, dove i cittadini rendevano omaggio alla dea Rea, madre di Zeus e Poseidone. Da parte loro, i romani nell'antico impero onoravano la dea Cibele come reincarnazione di Rea e la associavano alla fertilità.



Con il passare del tempo, il cristianesimo ha trasformato questa festa pagana in una celebrazione in onore alla Vergine Maria.



In Spagna, nell'anno 1939, l'8 dicembre fu istituito come il Giorno dell'Immacolata Concezione, come festa della mamma.



Il mese di maggio è il mese della Vergine Maria, in modo che la tradizione cattolica abbia diverse tradizioni e celebrazioni. Infine, la Chiesa ha deciso di trasferire la festa alla prima domenica di maggio per recuperare il vero carattere religioso dell'8 dicembre.



Storia negli Stati Uniti



Negli Stati Uniti, la festa della mamma non ha nulla a che fare con la religione, ma con la pace e i diritti delle donne. Julia Ward Howe, poetessa e attivista, organizzò diverse manifestazioni nel 1865 per rendere omaggio alle madri di famiglie che erano state vittime della guerra civile. L'iniziativa fu promossa da Ann Jarvis, che morì il 12 maggio 1905.



Finalmente nel 1914 Woodrow Wilson decise di riconoscere ufficialmente la seconda domenica di maggio come festa della mamma.