Amore” è il quarto brano estratto dall’ultimo lavoro in studio di Petrucci, un potente pop-rock dedicato al sentimento più bello, affascinante e misterioso che esista.

«Questa canzone un vero e proprio tormentone mentale, quel ritornello che ti entra in testa e non ti abbandona. Altra canzone ispirata alla mia vita amorosa, un po’ tormentata lo ammetto. È come il cane che si morde la coda. C’è una donna che ti cura e c’è l’altra che ti ha ferito, il giro è sempre quello, la vita è una continua ricerca. Una che ti prende la mano e l’altra che ti lascia la mano. Siamo sempre presi da qualcosa, qualcosa che ci attira verso l’altro ma poi manca sempre qualcosa. La canzone strizza un occhio anche all’amore universale nella parola ‘’il nostro mondo piange senza l’amore’’. Nelle mie canzoni c’è sempre una ricerca del mistero, della vita che non finisce qui. Si mi sento una persona molto misteriosa. Parlo molto con me stesso, a volte sembro matto.»

Presenti nel video di “Amore” i componenti storici della band di Andrea: Gaetano Guardino (chitarra), Simone Castracani (basso) e Luca Zannini (batteria).

“IL CORAGGIO È TRA LE BRACCIA DI UN SOGNO” contiene sette tracce autobiografiche, dalle sonorità pop-rock, nelle quali Andrea parla di amore a tutto tondo, da quello romantico all’affetto per la propria terra di origine. Andrea è infatti originario delle Marche, una regione particolarmente colpita dal terremoto del Centro Italia avvenuto nel 2016 e nei suoi testi traspare la voglia di ricominciare e continuare a lottare per raggiungere i propri sogni e la felicità.
Questa la tracklist completa del disco: “Polvere e sassi nel cuore”, “Nel cielo tu”, “A spasso tra le stelle con te”, “Fidati di me”, “Il coraggio è tra le braccia di un sogno”, “Il passato è ormai passato” e “Amore”.


Andrea Petrucci nasce ad Ascoli Piceno nel 1981. Si appassiona alla musica da bambino scoprendo i Queen, che diventeranno la colonna sonora della sua infanzia e adolescenza. A 17 anni inizia ad esibirsi dal vivo come cantante di alcuni gruppi e in una band dei Litfiba e matura diverse esperienze sui palchi. Ben presto inizia anche a scrivere i propri brani e a partecipare ad importanti concorsi musicali nazionali e locali, facendo la conoscenza di Saturnino Celani, che diventa il suo mentore musicale. Nel 2006 decide di trasferirsi a Milano e inizia ad esibirsi con alcune band spaziando tra diversi generi musicali, dal pop rock al prog rock/metal al new metal. Nel 2010 Andrea pubblica il suo primo album “Andrea Petrucci” con l’etichetta discografica milanese Moletto di Giovanni Poggio, mentre nel 2013 rilascia un nuovo singolo “Questa notte un po’ di te” (Top Records/Dingo Music). L’ anno successivo lavora ad un progetto discografico pop-dance-rock chiamato “Redpassion” e pubblica i singoli “Dance Honey” e “La realtà tra noi” oltre ad un omonimo EP, quest’ultimo proposto a Sanremo Giovani nel 2014. A seguito del terremoto che ha colpito il Centro Italia nel 2016 Andrea ha inciso il brano “Polvere e sassi nel cuore” un inno alla rinascita e alla speranza, rivolto alle popolazioni colpite dal terremoto, con il quale si è esibito alla fiaccolata per le vittime del terremoto. Lo scorso anno ha pubblicato il singolo “Sant’Emidio”, in onore del Santo Patrono di Ascoli Piceno e Santo Protettore dai terremoti.