Tradizionalmente, venivano preparati durante le feste di Natale e di
Carnevale e si era soliti regalarli in quanto considerati molto speciali.
Ancora oggi questa antica tradizione si mantiene viva, anche nella vicina
Puglia, soprattutto nella parte che confina con il Molise, ed è un ricordo
che ho della mia infanzia, quando mamma preparava per le feste i
Calzuncill.
Il termine Cauciuni in dialetto molisano, e Calzuncill, in dialetto foggiano
significa “calzoncello”.


Ingredienti per 5 persone

  • 200 gr di Farina.
  • 4 cucchiai di Sciroppo di agave (o sciroppo di acero)
  • 3 cucchiai di Olio extravergine di oliva.
  • Sale q.b.
  • 100 ml di Vino bianco.
  • Olio di semi q.b..
  • Zucchero a velo q.b.
  • 200 gr di Ceci lessi.
  • 50 gr di Cacao
  • 50 gr di Zucchero di canna.
  • Cannella q.b.
  • Rum q.b.

Preparazione: Mettiamo la farina in una ciotola, aggiungiamo lo sciroppo di agave, l’olio extravergine, il sale e il vino bianco e i impastiamo servendoci di un cucchiaio, poi trasferiamo l’impasto sulla spianatoia. Continuiamo a lavoralo con le mani, fino a ottenere un panetto elastico e consistente. Quando vediamo che è liscio e sodo, lo copriamo con un canovaccio e lo lasciamo riposare.

Cominciamo con il ripieno. In una ciotola capiente versiamo i ceci lessati e incorporiamo il cacao e lo zucchero di canna. Aggiungiamo la cannella in polvere e un paio di cucchiai di rum, a nostro piacimento, ma senza esagerare, altrimenti sovrasterà il gusto degli altri ingredienti. 

Mettiamo il composto in un robot da cucina e frulliamo tutti gli ingredienti fino a ridurli in una crema.

Prendiamo l’impasto di prima e lo stendiamo con il mattarello su un piano di lavoro infarinato, fino a ottenere una sfoglia di circa mezzo centimetro di spessore. Facciamo dei cerchietti servendovi di un coppapasta tondo, o di una tazza. Gli scarti li impastiamo nuovamente per ottenere altri cerchietti. Mettiamo nel centro di ogni cerchio di sfoglia una cucchiaiata di ripieno di ceci e cacao, e richiudiamo ogni raviolo su sé stesso in modo da racchiudere bene il ripieno, formando quasi una mezza luna. Chiudiamo bene i bordi, schiacciando con le dita, in modo da sigillarli perfettamente e non far fuoriuscire il ripieno. 

In una padella mettiamo a scaldare l’olio di arachidi e appena avrà preso calore, mettiamo delicatamente i ravioli, pochi per volta, in modo da permettere una buona frittura. Lasciamo friggere i raviolini su entrambi i lati fino a farli dorare bene. Li ritiriamo e li facciamo sgocciolare su un foglio di carta assorbente. Spolveriamo con lo zucchero a velo e serviamo.

Buon Appetito!