La Cucina Molisana ha una tradizione antica ed è ricca di sapori forti e decisi e si basa su una vasta scelta di prodotti tipici genuini e di eccellente qualità, si utilizzano molte spezie ed erbe aromatiche che servono ad insaporire i piatti senza appesantirli troppo.

La ricetta di oggi prevede un tipo di pasta che è la forma tipica della cucina tradizionale del Molise, i Cavatelli. A base di farina (di grano duro) ed acqua, stretta ed allungata, ottima con diversi tipi di condimento ed utilizzata in molte Regioni del sud Italia.


Cavatelli al sugo vedovo sono una ricetta tipica di Montenero di Bisaccia e vedovo sta ad indicare che il sugo è privo della carne.

Ingredienti per 4 persone:

Ingredienti per la pasta: 

  • 300 g semola rimacinata di grano duro, sale.

(Si trovano nel mercato confezioni già pronte)

Ingredienti per il sugo:

  • 700 gr pomodori maturi
  • 40 gr lardo.
  • mezzo spicchio di aglio.
  • prezzemolo tritato q.b..
  • basilico q.b..
  • formaggio pecorino q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione della Pasta: Impastiamo la semola con 150-200 gr di acqua e un pizzico di sale, facciamo una palla e lo avvolgiamo nella pellicola alimentare e lo lasciamo riposare coperto per 30 minuti. Infariniamo il piano di lavoro, e modelliamo l’impasto in piccoli cilindri di circa mezzo cm di diametro, tagliamoli in tocchetti di circa 2 cm di lunghezza e trascinateli sul piano di lavoro schiacciandoli con due dita, per dare la classica forma di cavatello. Cuocete i cavatelli in abbondante acqua salata per 5-6 minuti, finché non saranno venuti a galla.

Se si comprano quelli già pronti, basta solamente cuocerli. 

Preparazione del sugo: Sbollentiamo i pomodori e li peliamo, li priviamo dei semi e li tagliamo a pezzi. Tagliamo il lardo a pezzettini lo soffriggiamo in un tegame con 2 cucchiai di olio, 2 cucchiai di prezzemolo e l’aglio tritato. Uniamo i pomodori a pezzi, qualche foglia di basilico, sale e pepe e cuociamo per 25 minuti. 

Condiamo i cavatelli con il sugo, cospargiamo con abbondante pecorino grattugiato e serviamo.

L’abbinamento perfetto è con vini bianchi dalla spiccata sapidità e di buona freschezza come il Fiano di Avellino, ma potrebbero anche andare bene dei vini, sempre bianchi, di media struttura come il Pinot grigio, il Verdicchio o lo Chardonnay.

Buon appetito!