Cultura

La Lombardia

.

6/10/2020 3:46:00 PM




La Nostra Italia regione per regione



Situata al sud del continente Europeo, racchiusa dalla catena montagnosa delle Alpi al nord e con tanta costa, sui restanti punti cardinali, che si dilunga sul Mar Adriatico, Tirreno, Ionico e Mediterraneo, si trova una penisola che alberga una singolare Nazione, la cui forma geográfica ineguagliabile é quella di un perfetto stivale, come volendo alludere essere alla base di tanti elementi riguardanti la vita nel mondo. L´Italia, epicentro della storia, della cultura, della gastronomia, della manufattura, della moda, della tecnología e di tanti altri aspetti dell´umanitá, nonostante piccola geograficamente é assai vasta da conoscere, per ció che riguarda storia e cultura, e cosí da oggi inizieremo un percorso atraverso le venti Regioni che la conformano, affinche tutti possano apprendere un pó di piú della meravigliosa Nostra Italia.



É doveroso, innanzi all´attuale tragedia del COVID-19, rendere un tributo alla lotta che sta svolgendo il Popolo Italiano e perció inizieremo il nostro percorso dalla regione piú colpita, la Lombardia. 



Questa é una delle piú estese regioni italiane che con 23.864 km2 e con poco piú di dieci milioni di abitanti si trova nell´estremo nord settentrionale della penisola, limitrofe con la Svizzera. Il suo territorio si estende dalle Alpi, dove appreziamo il particolare incanto del paesaggio della Valtellina, scendendo per le estese colline della Franciacorta, rinomate per i suoi vigneti, passando dai famosi e stupendi laghi di Garda, di Como e Maggiore, fino alla Pianura Padana, dove nella zona della Lomellina, si produce un riso fra i piu pregiati del mondo.  



La Lombardía é una terra ricca di natura, storia, arte e cultura, che si fondono con le attivitá agricole, il turismo, il forte settore dell´industria. l´innovazione, il commercio globale, la tecnología, la moda e la vita moderna.



La storia ci racconta che probabilmente già dal secolo VI a.C., fu popolata dagli antichi Etruschi poi dai Celti e a lungo fu parte del territorio Gallo. Poi i Romani la conquistarono duecento anni a.C. e fu percorsa dalle principali vie che collegavano Roma con il Nord dell'Impero e costellata di numerose ed importanti città, raggiunse prosperità economica ed ebbe sempre grande importanza politica e militare come base romana nelle terre dell'Europa settentrionale.



Nel medioevo subí la dominazioni barbarica dei Longobardi che ne fecero di Pavia la loro capitale e dai quali derivò il nome di Longobardiamutato poi in  Lombardia.



Dal dominio Longobardo passó nel settimo secolo d.C. all´occupazione Francese che introdusse il sistema feudale e in seguito fu sottomessa al potere della Chiesa. Dalle varie lotte tra vescovi, signori feudali e nuovi ordini e ceti cittadini, vide emergere l'istituzione Comunale che caratterizzò la vita politica e sociale lombarda, fin dall'inizio del dodicesimo secolo. Tra i Comuni, si affermò gradualmente l'influenza di Milano.



Ma poi nacquero i contrasti all'interno dei singoli Comuni Lombardi, tra i piú noti si ricordano le leggendarie contese tra guelfi e ghibellini, che portarono al progressivo sfaldamento del regime comunale, favorendo l'istaurazione delle Signorie e tra le cui piu rinomate quella dei Visconti. Con l´affermarsi di quest´ultimi a Milano, si diede l'avvio alla formazione di un grande Stato. Fu allora che il ducato di Milano si ritrovó conteso fra Francia e Spagna e passò definitivamente a quest´ultima dal 1535, e poi, in seguito alla guerra di seccessione spagnola, all'Austria.



Dopo la Restaurazione del 1815 formò, con Venezia, il Regno Lombardo-Veneto e rimase così costituita amministrativamente circa nei limiti attuali. Una volta entrata a far parte del Regno d'Italia, dopo la guerra del 1859, fu annessa al Piemonte e d´allora in poi la Lombardia ha condiviso le vicende dello Stato Italiano.



Oggi giorno la regione è divisa in dodici province e ognuna di loro racchiude noti tesori che fanno fede del percorso storico e l´influenza eterogenea culturale subita, tra i quali citiamo a Brescia, il Monastero di San Salvador; a Bérgamo, l´Accademia Carrara, la Cappella Colleoni ed il Teatro Donizetti, dedicato al noto compositore e piú illustre Bergamasco; Como, di fronte all´omonimo lago vanta bellissime costruzioni neoclassiche como Villa Olmo; Cremona, dove si puó apprezzare il suo Duomo che racchiude in se lo stile romanico, gótico e rinascentista. Inoltre la cittá mantiene viva la tradizione dei lutieres, che ebbero in Antonio Stradivari la massima espressione; Lecco,  deve la sua fama all´opera maestra di Alessandro Manzoni "I Promessi Sposi" della quale ne é scenario; Lodi, cittá medioevale che si erige circondata dai caratteristici portici di Piazza della Vittoria, sui quali si affacciano la Cattedrale ed il Palazzo Comunale; Mantova, nominata Capitale Cultutrale d´Italia nel 2016 é l´antico feudo dei Gonzaga e ne vanta il Palazzo Ducale e la Basilica di Sant´Andrea, oltre ad essere cittá scenario dell´opera “Rigoletto”; Milano, capitale della Regione, inoltre capitale económica e industriale d´Italia, Li si trova la famosa Pinacoteca di Brera, fondata da Napoleone Bonaparte che espone l´opera maestra di Leonardo da Vinci, l´affresco "l´Última Cena". Inoltre Milano conta con il rinomato Teatro Alla Scala, un vero tempio dell´Opera e la Lirica, Il Duomo di stile gótico e la Piazza del Duomo circondata dalla Galleria Vittorio Emanuele II e il Palazzo Reale; Monza e Brianza, conta con Il Parco della Villa Reale del cui complesso fa parte il riconosciuto Autódromo di Monza dove rimbombano le eccitanti competizioni di Formula 1; Pavía, é la cittá delle Cento Torri, del Castello Visconteo e della rinomata Universitá; Sondrio, con il suo meraviglioso Castello Masegra deve il suo incanto alla fusione di elementi di diverse époche; Varese, é la "cittá giardino", noto é il suo Palazzo Estense.



Dopo questo vertiginoso giro fra la geografia, storia e cultura Lombarda, non ci resta che far riferimento d´obbligo alle specialitá gastonomiche della regione, iniziamo con la bresaola, passiamo ai pizzoccheri (speciali tagliatelle), per degustare poi il riso allo zafferano, e di seguito la bistecca o cotoletta alla milanese, ci ritroviamo con gli squisiti formaggi mascarpone, gorgonzola e bel paese e scivoliamo al dessert con il mondialmente riconosciuto panettone milanese, gli amaretti di saronno, la torta sbriciolona di Mantova e il torrone di Cremona, tutto ció annaffiato dai vini Bonarda e Barbera, per poi chiudere con il rinomato spumante Franciacorta, cin cin, salute e a presto.