COVID

Il “Green Pass” o “EU Digital Covid Certificate” operativo dal 1° luglio

Il certificato digitale COVID dell’UE faciliterà la libera circolazione sicura dei cittadini nell’UE durante la pandemia COVID-19. Sarà introdotto in tutti gli Stati membri dell’UE dal 1° luglio 2021.

6/29/2021 2:05:00 PM

Cos’è il certificato digitale UE?

È un lascia passare digitale: per le persone vaccinate contro il COVID-19 o è risultata negativa o è guarita dal COVID-19.

Caratteristiche principali del certificato 

Fformato digitale o cartaceo, con codice QR, gratuito, nella lingua nazionale e in inglese, sicuro e affidabile, valido in tutti i paesi dell’UE.

Come ottenere il certificato?

Le autorità nazionali sono responsabili del rilascio del certificato. Potrebbe essere rilasciato, per esempio, da centri di analisi o autorità sanitarie, o direttamente attraverso un portale di “e-health”. 

La versione digitale può essere memorizzata su un dispositivo mobile. I cittadini possono anche richiedere una versione cartacea. Entrambi avranno un codice QR contenente informazioni essenziali, così come una firma digitale per garantire che il certificato sia autentico.

Gli Stati membri hanno concordato un disegno comune che può essere usato sia sulla versione elettronica che su quella cartacea per facilitare il riconoscimento.

Come contribuisce alla libera circolazione?

Il certificato digitale COVID dell’UE sarà accettato in tutti gli Stati membri dell’UE. Contribuirà a garantire che le restrizioni attualmente in vigore possano essere revocate in modo coordinato.

Quando viaggia, il titolare del certificato digitale COVID dell’UE dovrebbe, in linea di principio, essere esentato dalle restrizioni alla libera circolazione: gli Stati membri dovrebbero astenersi dall’imporre ulteriori restrizioni di viaggio alle persone in possesso di un certificato digitale COVID dell’UE, a meno che tali restrizioni siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica.

Come funziona il certificato?

Il certificato EU Digital COVID contiene un codice QR con una firma digitale per proteggersi dalle contraffazioni. Quando il certificato viene controllato, il codice QR viene scansionato e la firma viene verificata. Ogni istituzione emittente (ad esempio un ospedale, un centro di test o un’autorità sanitaria) ha la propria chiave di firma digitale. Queste informazioni sono conservate in un database sicuro in ogni paese. La Commissione europea ha creato un portale attraverso il quale le firme dei certificati possono essere verificate in tutta l’UE. I dati personali del titolare del certificato non dovranno essere trasmessi attraverso il portale, poiché non è necessario verificare la firma digitale. La Commissione europea ha anche aiutato gli Stati membri a sviluppare software e applicazioni nazionali per il rilascio, l’archiviazione e la verifica dei certificati e li ha sostenuti nei test necessari per unirsi al portale.

I cittadini che non sono ancora stati vaccinati possono viaggiare in un altro paese dell’UE?

Sì. Il certificato digitale COVID dell’UE faciliterà la libera circolazione all’interno dell’UE. Non sarà una precondizione per la libera circolazione, che è un diritto fondamentale nell’UE. Il certificato EU Digital COVID serve anche a giustificare i risultati dei test, spesso richiesti dalle restrizioni di salute pubblica applicabili. Il certificato è un’opportunità per gli Stati membri di adattare le restrizioni esistenti per motivi di salute pubblica. Anche la raccomandazione attualmente in vigore sul coordinamento delle restrizioni alla libera circolazione nell’UE sarà modificata a metà giugno in vista delle vacanze.