La variante Delta, che presenta una maggiore trasmissibilità e potenzialità di eludere in modo parziale la risposta immunitaria. Dalla bozza emerge inoltre come l'Rt nazionale resti stabile a 0,69, mentre continui in modo costante la discesa del dato relativo all’incidenza, passando a 11 casi ogni 100 mila abitanti rispetto al 16,7 di 7 giorni prima. Tutte le Regioni e le province autonome sono classificate a rischio basso ad eccezione del Molise, a rischio moderato. Ovunque, inoltre, resta sotto la soglia critica il tasso di occupazione dell’area medica e delle terapie intensive. Contro la variante Delta, ha affermato il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a Mattino 5, “noi dobbiamo fare un lavoro che è quello di vaccinare il prima possibile, non abbiamo alternative: oltretutto con la diffusione della variante Delta, che ha una contagiosità decisamente superiore a quella inglese, rischiamo che anche le misure di contenimento comportamentale come il distanziamento siano poco efficaci. Quindi dobbiamo riuscire a fare una campagna vaccinale poderosa e riuscire a proteggere la popolazione, soprattutto utilizzando il periodo estivo quando i virus respiratori hanno meno diffusione, sfruttando questo momento relativamente tranquillo per proteggerci in vista dell’autunno. Allora – conclude Fedriga - io mi auguro che sia tutto finito, ovviamente dovremmo avere ancora qualche precauzione per accompagnare la fuoriuscita dalla crisi pandemica”.

Tags