C’è penuria di manodopera agricola, in Italia: e per questo la Ministra delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, ha lanciato un appello durante una trasmissione su Radio Capital. In particolare, la Ministra ha sottolineato la necessità di ricorrere al lavoro degli immigrati, che hanno sempre rappresentato una grande risorsa per l’agricoltura del Paese.

In questo particolare momento storico, però, è necessario e doveroso assicurare condizioni di assoluta sicurezza a chi svolge il proprio lavoro nei campi. Questo significa, tra l’altro, adottare qualsiasi precauzione affinchè la mafia non fagociti i lavoratori mettendoli a lavorare in nero, senza alcuna garanzia contrattuale e salariale.

“Siamo noi ad avere bisogno degli immigrati”, ha dichiarato la Ministra Bellanova, accennando alla difficoltà attuale di fare arrivare lavoratori e lavoratrici dall’Est Europa.

Ancora, la Ministra parla dei ghetti, luoghi pieni di lavoratori che vivono in condizioni pietose, costretti a lavorare in nero: anche in questo caso paventa una soluzione a breve, per arginare un disagio sociale che potrebbe esplodere da un momento all’altro in maniera anche esasperata.

"Abbiamo grande rispetto per la scienza, è un punto di riferimento. Dobbiamo avere in grande conto quello che la scienza ci mette a disposizione e fare lo sforzo per non scegliere le vie più semplici. Non dobbiamo scegliere le scorciatoie, come dire chiudiamo tutto, ma le vie complesse, ad esempio pensare alle riaperture, a nuovi modi di lavoro. Se non lo facciamo adesso, rischiamo di andare fuori dalla competizione a livello globale”, ha dichiarato all’emittente radiofonica.