Il Gruppo L'Equipe, al quale appartiene la rivista France Football, organizzatrice dell'evento Ballon d'Or, ha deciso di non assegnare il premio di quest'anno 2020.

Il Pallone d'Oro premia il miglior giocatore del mondo in un anno “regolare” ed è uno dei trofei, individuali, più ambiti dalle stelle del calcio mondiale.

La decisione è stata giustificata dal particolare contesto di quest'anno segnato dalla crisi sanitaria generata dal Coronavirus.

Nella sua dichiarazione ufficiale L'Equipe ha dichiarato: “Riteniamo che un anno così unico non possa, e non dovrebbe, essere trattato come un annata regolare “.  “In termini sportivi, solo due mesi (gennaio e febbraio), degli undici di solito richiesti per formare un parere e decidere tra i migliori, è troppo poco per valutare e giudicare”. Per ció che riguarda la decisione ha dichiarato: “É una determinazione che non gradiamo, ma contribuirà a proteggere la credibilità e la legittimità di un premio di questa categoría”.

I vincitori del 2019 trattengono i titoli.

È la prima volta, dalla creazione del trofeo nel 1956, che la cerimonia viene sospesa. In conseguenza, nessuno potrà riconvalidare quest'anno i titoli ottenuti da Leo Messi e Megan Rapinoe nel 2019.

Questi due grandi personaggi del calcio, vincitori del Pallone d'Oro della scorsa stagione, così come Matthijs De Ligt e Alisson Becker, vincitori dei trofei Kopa e Yachine, regneranno ancora per un anno e si dovrá attendere fino al 2021 per vedere se qualcuno li soppianta. In questo modo Messi continuerà, almeno per ora, ad essere il calciatore con il maggior numero di Palloni d'Oro nella storia del trofeo.

Nuova modalitá nel 2021.

Per rimediare questa situazione, il Gruppo L'Equipe ha annunciato che nella prossima edizione saranno scelti undici vincitori, invece dei quattro vincitori regolari (trofei maschili e femminili del Pallone d'Oro, Kopa e Yachine). France Football nominerá, inoltre, alla fine dell'anno, la "Squadra di tutti i tempi", scelta dal corpo di esperti della cerimonia, cioè circa 220 giurie provenienti da tutto il mondo.

A chi colpisce il rinvío.

Il rinvio del premio ha influenzato alcuni giocatori che stavano svolgendo una grande stagione. Tra loro sicuramente Leo Messi (titolare di 6 trofei) e Cristiano Ronaldo (titolare di 5 trofei). Ma potremmo anche aggiungere alla lista giocatori come De Bruyne, Lewandowski, Benzema e Sergio Ramos. Questi ultimi, a differenza dei primi due, che sono rimasti all'apice della disciplina, vedono sfumarsi un'opportunità quasi unica nella loro carriera da calciatori.

Robert Lewandowski

Il campione polacco della Bundesliga con il Bayern, leader nella classifica della scarpa d'oro con 34 gol. Pilastro fondamentale della squadra bavarese, che ha avuto una stagione fenomenale. Il Bayern è uno dei principali candidati a vincere la Champions League, data la loro solida prestazione negli ultimi mesi.

Kevin De Bruyne

È la figura principale della squadra di Pep Guardiola, il Manchester City. Il belga è il leader degli assist in Premier League con 18 gol. É anche uno dei marcatori della squadra seconda classificata del campionato inglese, con 11 gol. Numeri abbastanza invidiabili, se inoltre consideriamo che il calciatore lotta per la nomina a miglior giocatore di Premier League di questa stagione.

Sergio Ramos e Karim Benzema

Altri giocatori che potrebbero essere colpiti da questa decisione di France Football sono le stelle del Real Madrid Sergio Ramos e Karim Benzema. Vincitori della Liga Spagnola numero 34, con 11 partite di imbattuto dopo la ripresa della Liga e ancora vivi in Champions League. Hanno avuto una delle loro stagioni più abbondanti di gol e quindi non sarebbe inverosimile pensare che potrebbero mischiarsi tra i candidati al premio 2019/20.

Tutto questo accade con la UEFA Champions League ancora da completare, essendo una delle più importanti competizioni. É quella che tiene maggiormente conto la giuria di esperti di L'Equipe al momento di assegnare il Pallone d'Oro. Di solito il miglior giocatore della squadra campione di Champions League ha anche vinto il premio come miglior calciatore dell'anno.