Lunedí 20, all´Allianza Stadium, a casa della Juventus, la Lazio ha l'obbligo di vincere e non sará impresa facile.​

Tra le “primerissime” la squadra di Inzaghi é calata al quarto posto. L´Atalanta e l´Inter l´hanno giá sorpassata nella rincorsa alla Juventus.​I precedenti.​Di per sé la statistica non aiuta molto. I bianconeri sono la squadra contro cui la Lazio ha perso piú partite in campionato (81 incontri), ed oltre tutto, quella biancoceleste é anche la squadra contro la quale la Juve ha segnato piú gol in serie A (269 gol).

L'ultimo successo dei laziali contro i piemontesi in serie A, nel girone di ritorno, risale a marzo 2001, da allora 12 successi bianconeri e 5 pareggi.Ma é anche vero che questa Lazio, il 22 dicembre del 2019, a Riad, ha strappato dalle mani alla Juventus di Sarri e CR7, la Supercoppa Italiana 2019, con i gol di Luis Alberto, Lulic e Cataldi ai quali si é contrapposta solo la rete di Dybala.

Inzaghi: scommette sui nuovi talenti.

Per altro il team di Inzaghi é in crisi. Si ritrova smarrito e il suo bomber, Ciro, non ha avuto appuntamento con il gol da un bel pó. Insomma, le circostanze non sono le piú propizie.

I laziali si ritrovano ancora senza Patric, squalificato, con la coppia d'attacco Caicedo-Immobile ancora senza l'alternativa Correa.

Sembra che Inzaghi, per la sfida di domenica, si affiderá ai “Ragazzi della Primavera” o giocatori poco utilizzati per dare energie nuove nel finale.
Tra questi si conta Bobby Adekanye, il 21enne attaccante olandese che ha già segnato in A, contro la Spal (vittoria 5-1 dell’Olimpico). In quel pomeriggio del 2 febbraio quando ha visto in pallone in rete gli sembrava di volare in una gioia infinita. Ha ricevuto l’abbraccio dei compagni e di tutta la panchina, compreso Inzaghi. E la Curva lo ha battezzato “Bobby gol”. Alla ripartenza della Serie ha dovuto scontare alcuni problemi muscolari prima di rivedersi in campo: sempre subentrato nelle ultime quattro partite. 

Avrà probabilmente spazio anche lunedì sera. E di sicuro proverà in tutti modi a colpire la Juventus.

Scatta in pole anche il nome di Djavan Anderson. Il 25enne centrocampista olandese, dopo il debutto in A contro la Fiorentina, è subentrato anche in altre tre gare. Avendo giocato con la Salernitana ed il Bari in B, è stato ai margini della prima squadra fino a gennaio in attesa di una sistemazione sul mercato. Poi, è entrato nel gruppo di Inzaghi per spuntare nell’emergenza che ha colpito l’organico biancoceleste.

Confidano in una chance, partendo dalla panchina, anche Armini e Falbo, rispettivamente capitano e vicecapitano della Primavera. Nicolò Armini, cresciuto nel mito di Nesta, è un difensore. Luca Falbo, passato pure dalle giovanili di Torino e Roma, è un esterno di centrocampo. Entreranno nella Lazio del futuro, che vorrebbero far partire con loro in campo dalla sfida contro la Juventus. Sarri: recupera la coppia difensiva. 

Neanche dalle parti di Sarri la situazione é la migliore. Comunque a casa Juventus si conta ancora con 77 punti in classifica e il primo posto verso lo scudetto. Son tre giornate di fila che non si vince. Si é perso clamorosamente contro il Milan e si sono rimediati due pareggi, in extremis, contro Atalanta e Sassuolo.Questo ha fatto calare un velo di dubbio sulle capacitá di Sarri e sul rendimento di CR7 & Company.

A quanto pare Sarri recupera per lunedí la coppia Bonucci-De Ligt. L'olandese e l'azzurro sono ormai una garanzia per i bianconeri: senza la coppia di difesa titolare la Vecchia Signora ha incassato 7 reti in due partite.

Per la gioia di Maurizio Sarri e di tutti i tifosi bianconeri, con i due in campo la Juve aveva trovato una ben augurante solidità difensiva. Ne fanno fede le vittorie contro Bologna (2-0), Lecce (4-0), Genoa (3-1) e Torino (4-1). Solo 2 reti subite in 4 partite. I due difensori hanno dimostrato anche di poter essere pericolosi in zona gol, con 3 reti a testa segnate in questo campionato.

Verso il posticipo di lunedì sera, i bianconeri si ritrovano senza Bernardeschi, squalificato. Ció impone a Sarri di giocarsi da subito Douglas Costa in appoggio a Ronaldo e Dybala. Higuain riprende posto in panchina. 

Al centrocampo schiererá Rabiot con Pjanic e Bentancur. Si conterá di nuovo anche su Cuadrado, a destra. Perció, un atteso scontro diretto, un incontro fra primerissime e partita decisiva per la corsa allo scudetto quella di lunedí. In bocca al lupo e che vinca il migliore. 

Ciro vs CR7

Lunedí sul campo si troveranno di fronte anche le due principali figure dei marcatori della Serie A. Ciro Immobile e Cristiano Ronaldo. Il bomber della Lazio vanta 29 reti, . Il fuoriclasse della Juve somma 28, ormai la sfida é ai ferri corti.

Una sfida nella sfida tra due dei migliori attaccanti del campionato. In palio c’è lo scettro di capocannoniere. E non solo: entrambi rincorrono Robert Lewandowski nella classifica per la Scarpa d’Oro. Il polacco del Bayern Monaco, che ha già concluso la sua stagione, è a quota 34. I capocannonieri della Serie A hanno cinque match ancora per provare a ribaltare la situazione. Una media di un gol a partita per l'aggancio: difficile, ma non impossibile.

Ciro Immobile peró si è fermato. Il capocannoniere biancoceleste è a secco da tre partite in Serie A. Non succedeva da più di un anno. Con l’Atalanta è arrivata una sconfitta e Immobile non ha segnato. Stesso discorso con Lecce, Sassuolo e Udinese (pareggio per 0-0).

Cristiano Ronaldo invece mantiene il ritmo. Ha segnato continuamente, un gol a partita contro Bologna, Lecce, Genoa, Torino, Milan e addirittura é andato due volte in rete contro l´Atalanta. Ë rimasto in bianco solo nella giornata 33 contro il Sassuolo. Lunedí é molto probabile che i numeri cambino in questa sfida dei marcatori, perció, spettacolo da non perdere.