La festa dell'Europa 2020 si celebrerà in circostanze eccezionali in tutti gli Stati membri, con l'Unione attiva su tutti i fronti per combattere la crisi da coronavirus.

La festa di quest'anno coincide con due pietre miliari dell'Unione europea: il

70° anniversario della dichiarazione Schuman

e il

25° anniversario dell'adesione dell'Austria, della Finlandia e della Svezia all’Ue

. Ma nonostante il clima d’emergenza legato alla pandemia, le istituzioni europee celebreranno questa giornata insieme, sottolineando, attraverso una campagna online, due dei principi cardine dell’Ue:

solidarietà

e

unità

.

Alla vigilia del 9 maggio, la Presidente della Commissione europea,

Ursula von der Leyen

, ha dichiarato: "L'obiettivo della solidarietà europea è più valido che mai. All'inizio della crisi la solidarietà è stata messa a dura, ma poi abbiamo iniziato a condividere e ad aiutarci: solidarietà di fatto. Una solidarietà che deve continuare".

La Presidente e tutti i Commissari saranno molto attivi domani e comunicheranno con i cittadini europei sui social media (#EuropeDay) e tramite videomessaggi, webinar, video dibattiti, seminari online e apparizioni nei mezzi di comunicazione scritti e audiovisivi. Il Vicepresidente della Commissione Timmermans, l'Alto rappresentante Josep Borrell, i Vicepresidenti Šefčovič e Šuica e i Commissari Gabriel, Breton e Vălean terranno dialoghi con i cittadini sui momenti topici dell’integrazione europea e sulle prospettive future.

Inoltre, oggi, la Commissione europea ha assegnato il

"Premio Jan Amos Comenius per l'eccellenza nell'insegnamento dell'Unione europea"

a 22 scuole secondarie di tutta Europa che insegnano l'Unione europea in modo creativo. Il premio sottolinea l'importanza di insegnare e apprendere l'UE in modo stimolante.

E a tal proposito

Margaritis Schinas

, Vicepresidente della Commissione e Commissario per la Promozione dello stile di vita europeo, ha dichiarato: "assegnare oggi per la prima volta a scuole e insegnanti il premio Jan Amos Comenius per l'impegno creativo profuso nell'insegnamento dell'Unione europea e dei suoi valori ha un'alta rilevanza simbolica. Alle porte del 70º anniversario della dichiarazione Schuman, che è all'origine di un progetto di pace fondato soprattutto sulla solidarietà europea, le scuole e gli alunni di tutto il continente si trovano di fronte a una situazione destabilizzante mai vista dalla fine della guerra. Settant'anni dopo è solo grazie a tale impegno creativo e a tale solidarietà che saremo in grado di superare questa crisi e uscirne ancora più forti di prima".

Mariya Gabriel

, Commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, ha invece specificato come "l'apprendimento dell'Unione europea a scuola non è un lusso, bensì una necessità. Dobbiamo rafforzare la conoscenza e la comprensione dell'Unione europea da parte dei cittadini sin dalla più tenera età. Le nostre scuole possono promuovere in modo stimolante una consapevolezza critica dell'Unione europea e un senso di appartenenza a quest'ultima.Sono lieta che il premio conferisca riconoscimento e visibilità a questo prezioso lavoro."

Ogni scuola vincitrice riceverà un premio di 8 000 euro e un trofeo. La scuola italiana ad aver ricevuto il premio è il

Liceo classico, musicale e delle scienze umane “Chris Cappell College”, di Anzio

, che si avvale, come le altre 22 scuole vincitrici nei paesi membri, di un'ampia gamma di metodi coinvolgenti nell'insegnamento dell'Unione europea.