Molti sono stati collegati dalle prime ore del mattino al portale INPS per richiedere il bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi previsto dal Decreto Curaitalia. La prima data utile per presentare le domande è oggi, 1 aprile. Ma per tutti gli utenti c'è stata una piacevole sorpresa, poiché l'accesso al sito era praticamente impossibile. Un certo numero di segnalazioni su possibili violazioni della privacy sono state aggiunte alla difficoltà di accesso, in quanto alcuni profili sono diversi da quelli dei candidati effettivi. A metà giornata, il sito è stato completamente chiuso. Il presidente dell'INPS Tridico è intervenuto subito dopo per spiegare la situazione ai numerosi utenti che hanno tentato di connettersi al sito. "Abbiamo ricevuto attacchi violenti dagli hacker", ha detto. In pochi istanti questa mattina, il portale è stato colpito da 300 richieste al secondo (un numero enorme!). I sistemi INPS non sono certamente abituati a ricevere un numero così elevato di applicazioni elettroniche in così poco tempo. Dopo la sospensione di questa mattina, il sito INPS si riavvierà con pianificazioni diverse a seconda degli utenti. Gli utenti potranno accedere dalle 8.00 alle 16.00, mentre dalle 16 in poi l'accesso sarà riservato ai cittadini. L'INPS garantisce qualsiasi "scambio di persona" dannoso per il diritto alla privacy degli utenti. Il "buco" nella privacy del sistema potrebbe essere durato solo pochi minuti, troppo pochi per creare grossi problemi agli utenti.